Blogs

Come l’apprendimento collaborativo può influire sulla preparazione all’università e al lavoro

I progetti di gruppo sono stati a lungo un punto di forza dell’istruzione in classe per una serie di ragioni. Indirizzano l’energia sociale degli studenti nella lezione, stimolano gli studenti riluttanti a parlare apertamente in un contesto di gruppo più ampio e interrompono la routine della giornata a scuola. C’è anche una montagna di prove che il lavoro di gruppo, o “apprendimento collaborativo”, come viene talvolta chiamato, aiuti gli studenti ad acquisire competenze preziose che possono portarsi dietro all’università e nel lavoro. Di fatto, gli insegnanti e i responsabili della valutazione dei curriculum che collaborano con LanSchool sono entusiasti dei vantaggi apportati dall’introduzione dell’apprendimento collaborativo in classe.

Che cos’è esattamente l’apprendimento collaborativo e in che modo aiuta gli studenti?

Alcuni dei principali ricercatori dell’apprendimento collaborativo lo definiscono “l’uso didattico di piccoli gruppi allo scopo di stimolare gli studenti a collaborare per massimizzare l’apprendimento singolo e reciproco”. Può comprendere l’apprendimento cooperativo formale, la cui durata va da una lezione a diverse settimane ed è strettamente gestito dall’insegnante; l’apprendimento collaborativo informale, che solitamente prevede frequenti e rapide discussioni di gruppo sul materiale didattico; e gruppi di base cooperativi, che sono gruppi a lungo termine nei quali gli studenti lavorano per tutto il semestre o l’anno scolastico.

Diversi studi compiuti negli ultimi 50 anni dimostrano che l’apprendimento collaborativo che utilizza questi approcci generalmente porta a “un migliore risultato di gruppo e individuale, relazioni più sane con i colleghi, maggiore metacognizione e un miglioramento della salute psicologica e dell’autostima”.

Anche questi risultati di alto livello non sono trascurabili. Secondo uno studio, l’organizzazione degli studenti in gruppi di apprendimento collaborativi può portare a un incremento fino al 28% in termini di risultati degli studenti. Aiutare gli studenti a partecipare a una conversazione ponderata può anche incoraggiarli a esaminare prospettive diverse, cosa che ha dimostrato di aumentare la motivazione e l’empatia.

Lavorando al fianco degli educatori, ci viene ricordato costantemente che l’apprendimento collaborativo è uno strumento potente per promuovere i risultati degli studenti sia in termini di competenze affettivo-relazionali che di obiettivi squisitamente scolastici. Allora, come progettare l’esperienza di apprendimento collaborativo perfetta?

Gli elementi di un apprendimento collaborativo di successo

In seguito a una ricerca condotta da Johnson, Johnson e Smith (1998), TeacherVision ha individuato le seguenti cinque caratteristiche di un’esperienza di apprendimento collaborativo che porta risultati positivi agli studenti:

  1. Interdipendenza positiva

I compiti di gruppo funzionano meglio quando ogni studente si sente responsabile nel contribuire e garantire il successo del gruppo. Alcuni studenti lo faranno naturalmente, mentre altri potrebbero aver bisogno di una spinta.

Un modo per ottenere il coinvolgimento degli studenti è assicurarsi che ognuno di loro abbia un ruolo specifico. I ruoli possono essere:

  • Il valutatore, che tiene sotto controllo il progetto di gruppo
  • Il controllore, che assicura che tutti i membri del team comprendano i concetti e siano allineati con le conclusioni del team
  • L’elaboratore, il cui ruolo è relazionare ciò che il gruppo apprende dai compiti precedenti
  • Il portavoce, che presenta le conclusioni del gruppo alla classe
  • L’interrogatore, che coinvolge tutti gli studenti ponendo domande approfondite in corso d’opera.

Puoi permettere a ciascuno studente di scegliere il proprio ruolo o assegnarlo tu, in base alla tua conoscenza delle diverse personalità. La cosa importante è che tutti abbiano una responsabilità e che ogni ruolo sia chiaramente definito.

  1. Interazione faccia a faccia

Un segno distintivo di un progetto di successo è che gli studenti si incoraggino attivamente e si assistano l’un l’altro nel lavoro. Sistema le scrivanie o le sedie in modo da promuovere il contatto visivo e la libera discussione. Come suggerimento, è possibile utilizzare la funzione “Vista di gruppo” in LanSchool per monitorare l’attività digitale degli studenti in base a come sono stati organizzati i gruppi in aula. In questo modo gli insegnanti possono gestire più attività di gruppo contemporaneamente, mentre gli studenti sono liberi di collaborare.

  1. Responsabilità individuale e di gruppo

Assegnare un ruolo agli studenti li aiuterà a far crescere il loro senso di responsabilità nei confronti del gruppo, ma è comunque importante che percepiscano la loro responsabilità nei confronti del risultato finale stesso. Ecco perché è una buona idea valutare non solo il gruppo in merito all’impegno collettivo, ma anche assegnare a ogni studente un voto individuale per il proprio contributo.

Un modo per farlo è strutturare le consegne di gruppo prevedendo un compito di gruppo complessivo e delle sottoattività individuali, ciascuna delle quali è assegnata a uno studente specifico. Puoi quindi valutare ogni studente in base alla performance prodotta nella sua sottoattività. Puoi quindi scegliere di calcolare la media dei due voti (voto di gruppo e voto individuale) per formulare il voto finale di ogni studente.

In alternativa, puoi assegnare agli studenti un compito di follow-up, ad esempio una relazione su come il gruppo ha raggiunto le sue conclusioni, e formulare in questo modo i voti individuali.

  1. Comportamenti di gruppo

È importante definire aspettative chiare su come ogni membro del gruppo deve comportarsi nei confronti degli altri mentre lavora. Puoi collaborare con gli studenti prima di dare inizio al compito per concordare i comportamenti da osservare. Crea una lista di controllo delle competenze di collaborazione che gli studenti possono consultare per essere responsabili.

Dopo aver suddiviso gli studenti nei vari gruppi, guidali in una sessione di brainstorming per illustrare alcune comuni situazioni che si presentano nei lavori di gruppo e come gestirle. Ad esempio, chiedi loro come gestirebbero rispettosamente il problema di un membro del gruppo che parla sovrastando gli altri.

Sapendo che lavorare in gruppo può essere rumoroso, potresti anche chiedere agli studenti di inventare un segnale che puoi dare se il livello di rumore diventa troppo alto.

  1. Elaborazione del gruppo

Infine, è importante concludere la sessione di lavoro con l’analisi di gruppo della loro collaborazione. Ogni gruppo deve presentare alla classe le proprie conoscenze scolastiche, comprese le conclusioni e i processi utilizzati per giungere a tali conclusioni. Deve anche discutere di come si è lavorato in modo collaborativo sulla base delle linee guida stabilite all’inizio della lezione. Puoi scegliere di far compiere agli stessi studenti questa seconda parte all’interno del loro gruppo, se ritieni che gli studenti si sentano più liberi di essere onesti all’interno del proprio team.

L’apprendimento collaborativo insegna più di quello classico

Tutto ciò si traduce in un’esperienza di apprendimento che va ben oltre l’argomento che stai insegnando.

Secondo un recente studio della National Association of Colleges and Employers, il 78% dei datori di lavoro ha dichiarato di essere alla ricerca di neoassunti in grado di saper lavorare in team. Questa è stata la capacità più comunemente desiderata, con al secondo posto la comunicazione verbale al 70,5%.

Un altro sondaggio condotto tra le aziende che hanno assunto laureati in economia ha dimostrato che le competenze come la comunicazione orale, l’ascolto, la presentazione e la valutazione delle opinioni degli altri sono tra le caratteristiche più ricercate.

Imparare a lavorare bene con un gruppo eterogeneo può anche insegnare agli studenti a creare reti più “aperte” e diverse all’interno del luogo di lavoro, una competenza definita il presupposto numero uno per il successo professionale.

Gli studenti che imparano ad affrontare il lavoro di gruppo con consapevolezza e capacità analitica troveranno facile adattarsi e avere successo in ambienti professionali e universitari, dove dovranno risolvere ogni giorno dei problemi con i colleghi. Quindi, nel pianificare il tuo prossimo progetto di gruppo, considera che non è solo un ottimo modo per insegnare nuovi concetti, ma anche una possibilità di far sì che gli studenti sviluppino preziose competenze affettivo-relazionali che useranno per il resto della loro vita.